44 parole che usiamo in modo errato

1. Autobiografia

“Compila il questionario e scrivi la tua autobiografia” – spesso sentiamo frasi del genere e non pensiamo che ci sia un errore nella categoria “olio di burro”. Un’autobiografia è una descrizione della propria vita (autos – “me stesso”, bios – “vita” e grafo – “scrittura”). È impossibile scrivere l’autobiografia di qualcun altro, quindi usare un pronome possessivo in questo caso non è necessario.

2. Ambizioso

Pensa prima di scrivere l’ambizione nella scatola dei tuoi meriti nel curriculum. Una persona ambiziosa e motivata – concetti diversi. L’ambizione è un’autostima esasperata, eccessiva presunzione di sé e anche varie affermazioni e affermazioni. L’aggettivo formato da questa parola ha anche un colore emotivo negativo.

3. Appello: operare

Queste parole sono spesso confuse. In realtà, sono completamente diversi. Fare appello significa appellarsi a qualcuno o qualcosa per supporto: “Appello alle autorità”. Ancora più strettamente questa parola è interpretata nella pratica legale: appello – una denuncia, appello – qualcosa da protestare. Puoi operare con qualsiasi strumento o dato. “Un esperto di statistiche” significa che lo dimostra abilmente. Se chiede aiuto nella ricerca statistica, fa già appello alle statistiche.

4. A priori

Questo dialetto è inteso da molti come qualcosa di evidente, senza bisogno di prove. Ma in filosofia, pensare a priori significa avere qualcosa su qualcosa, non averlo provato nella pratica (dal latino a priori – “dal precedente”). Anthony è la parola “a posteriori” – un giudizio basato sull’esperienza esistente. Quindi non puoi a priori essere sicuro del significato della parola, finché non guardi nel dizionario.

5. Test – prova

Queste parole sono talvolta usate come sinonimi. Per evitare questo errore, ricorda: testare significa controllare e approvare. Di norma, stiamo parlando di alcune procedure ufficiali: “Gli scienziati hanno testato un nuovo farmaco – che presto sarà messo in vendita”. Non è possibile testare il porridge di semola, a meno che, ovviamente, questa sia una specie di studio importante, che si concluderà con una conclusione scritta.

6. Asessuale

A volte è così erroneamente chiamato aspetto poco attraente di una persona. Il termine “asessualità” indica un debole istinto sessuale. Una persona asessuata può essere carina, ma indifferente al sesso.

7. Autentico

Parola alla moda Ogni tanto qualcosa diventa autentico: caffè, giochi e persino persone. Ma la parola “autenticità” è “identità”. Significa autenticità, corrispondenza all’originale. Autentico può essere un contratto o un prodotto, così come opere d’arte.

8. Ipotesi – teoria

Chiudi, ma concetti non identici. Un’ipotesi è un’ipotesi scientifica che viene proposta per giustificare un fenomeno e richiede un test con un metodo sperimentale. La stessa teoria (in uno dei significati) è un’opinione su tutto ciò che è stato elaborato sulla base delle osservazioni. In altre parole, nell’ambito di una teoria, si può avanzare un’ipotesi per provare alcune disposizioni di questa teoria.

9. Il problema è il dilemma

Risolvere il dilemma e far fronte al problema non è affatto la stessa cosa. Un dilemma è una scelta difficile tra due opzioni che si escludono a vicenda. Essere o non essere? Il terzo, di regola, non è dato. Il problema è, prima di tutto, una situazione spiacevole con molte soluzioni o non avere tali.

10. Contratto di appalto

Concetti molto vicini, ma ci sono sfumature semantiche e legali. Un contratto è un accordo tra due o più persone. Secondo la legge civile, può essere concluso sia in forma scritta che orale. Il contratto è sempre un accordo scritto. E secondo la legislazione attuale, uno dei suoi lati, di regola, è lo stato.

11. Significativo – significativo

Anche con questi aggettivi c’è molta confusione. Significativo, cioè avere peso o possedere un significato speciale, può essere, per esempio, parole. Significativo è, prima di tutto, di grandi dimensioni o forza; qualcosa che è di grande importanza Pertanto, il profitto dell’azienda sarà sempre significativo.

12. Per – così quello

Queste unioni sono spesso abusate perché non ne conoscono il significato. Cerca nel dizionario, in modo da non essere confuso quando si entra in una clausola subordinata. L’unione “per” corrisponde ai sindacati “perché” e “come” e “così” – all’unione “a”.

13. Ideologia – Idealità

Questi concetti non possono essere sostituiti l’uno con l’altro. L’ideologia è un sistema di punti di vista che plasma la visione del mondo. In precedenza, il mondo era chiaramente diviso in aderenti a questa o quell’ideologia politica ed economica. L’ideologia è la fedeltà a qualsiasi punto di vista, idea.

14. Quintessenza

Questa parola deriva dal latino quinta essentia – la “quinta essenza”. Nella filosofia antica e medievale la quintessenza era chiamata l’essenza, la base di tutto. Ora questo termine viene usato per qualche motivo nell’unificazione di vari concetti, ad esempio: “L’autore ha notato che il suo libro è la quintessenza di molti generi, che collega molti intrecci”. E questo, ovviamente, non è corretto.

15. Viaggio di lavoro – viaggio di lavoro

“I posti in hotel solo per i viaggiatori d’affari” – molti passeranno da un tale annuncio senza sospettare un trucco sporco. Ma un viaggio d’affari è qualcosa di inanimato, legato a un viaggio di lavoro. Non puoi parlare di persone così. Viene inviata una persona che è andata da qualche parte per svolgere un incarico ufficiale: “Per i dipendenti inviati dai dipendenti, la società ha affittato un hotel e li paga viaggi di lavoro”.

16. Comillo

Sentendo la frase “Chiamalo, e poi in qualche modo non comme il faut”, capiamo subito che una persona esita a comporre il numero di un’altra. Questa parola è spesso usata nel significato conveniente / scomodo o confortevole / scomodo. Poche persone sanno che il significato del vocabolario della parola “komilfo” è sottile, raffinato, coerente con le regole del buon tono. “In pubblico ha in mano un comme il faut, ma a casa …”

17. Competenza – competenza

La conoscenza e l’esperienza in un campo particolare non devono essere confuse con la capacità di usarle. Ad esempio, se il posto vacante di un avvocato è aperto in azienda, solo una persona con un’istruzione giuridica superiore (competenza) sarà in grado di occuparla. Ma la presenza di un diploma non garantisce la competenza dei candidati.

18. Congenialmente

Molti sono convinti che questa sia una forma eccellente dell’aggettivo “geniale”. Come, congeniale – è come un genio, solo meglio. Ma in realtà la parola deriva dal latino con (“insieme”) e genialis (“collegato al genio”). Allo stesso tempo, “genio” in latino è spirito. Quindi, congeniale è vicino nello spirito. Una persona congeniale è una persona simile nel pensiero e nei valori.

19. Prestito – prestito

Questi termini possono talvolta essere utilizzati come sinonimi (a seconda del contesto). Tuttavia, è importante ricordare le differenze giuridiche tra questi concetti. A credito, una banca o un altro istituto di credito emette denaro per il quale maturano interessi. L’oggetto di un prestito può essere non solo denaro, ma anche cose, e non necessariamente su base rimborsabile.

20. Liberalismo – libertarismo

Due direzioni ideologiche con nomi simili, ma contenuti diversi. Il liberalismo unisce i sostenitori del sistema parlamentare, le ampie libertà politiche e l’imprenditorialità. La caratteristica principale del libertarismo è il divieto di “violenza aggressiva”. I sostenitori di questa tendenza politica ritengono che qualsiasi manifestazione di forza e persino la minaccia della sua manifestazione dovrebbero essere puniti dalla legge.

21. Fedele

Molte persone identificano questa parola con condiscendenza: “L’insegnante ne ha una fedele, messa dalla macchina automatica”. Diamo un’occhiata al dizionario: “Fedele – mantenere la lealtà verso il potere dello stato esistente, l’ordine esistente”. Solo nel secondo significato – un atteggiamento corretto verso qualcuno o qualcosa – la lealtà è simile alla condiscendenza, ma il segno di uguaglianza tra questi concetti non può essere messo comunque.

22. Marginale

Quando la stampa non vuole offendere i senzatetto o i mendicanti, vengono “educatamente” chiamati emarginati. Ma in sociologia questo termine è molto più ampio. Marginale è qualcuno che si trova in una situazione nuova e non si è ancora adattato ad esso. Ad esempio, una posizione marginale è occupata da una persona che si è appena trasferita da un villaggio a una città.

23. Mesalyans: l’unione

Seguendo la logica che la “alleanza” è la radice, alcuni credono che la mesalliance rappresenti una sorta di unione di persone o stati. In effetti, la mesalliance non è altro che un matrimonio diseguale (la radice è “mezaliani”). La frase “Mesalians of Japan and Korea” può sembrare ambigua e talvolta offensiva.

24. Misanhrope

Evita le persone, non cerca la comunicazione – questa caratteristica è adatta non solo ai misantropi, ma anche all’introverso. Pertanto, questi concetti sono spesso confusi e identificati. Ma un misantropo (letteralmente – un uomo che odia l’uomo) non riduce solo i contatti sociali al minimo – le persone sono accanto a lui. Non crede a nessuno, vede solo il cattivo in tutto e sospetta chiunque di qualsiasi cosa. La misantropia può essere selettiva e manifestarsi nell’odio solo agli uomini o, al contrario, alle donne. Gli introversi, per la maggior parte, sono pieni di anima.

25. Pensieroso – concepibile

Senti la differenza sugli esempi: “È una questione delicata – fallire la sessione!” – urlò in furia madre. “La-li-lai …” – figlia mentalmente ronzante. La mente è immaginaria, vive da qualche parte nei tuoi pensieri. Un concepibile è qualcosa che è difficile da immaginare (ma possibile).

26. Sfavorevole – spiacevole

La prima parola viene spesso usata come sinonimo del secondo: “Che tipo imparziale!” Ma per dirlo in modo errato. In effetti, imparziale – imparziale, giusto, colui che non cerca di compiacere nessuno. Se qualcuno ti ha chiamato una persona imparziale, considera che ti hanno fatto i complimenti.

27. Intollerabile – intollerabile

Simile per iscritto, ma diverso nel significato delle parole. L’intollerante è colui che è privo di tolleranza o qualcosa che non può essere tollerato. Ad esempio, intollerante misantropo o maleducazione intollerabile. Insopportabile – è insopportabile, agisce così duramente da non poterlo sopportare. C’è dolore o vento che è insopportabile.

28. Sciocchezze

A questa parola viene spesso attribuito il significato sbagliato: “Il nuovo iPhone non ha senso!” Volevano enfatizzare l’incredibile freschezza e sensazionalismo del gadget, ma hanno detto che era un’assurdità e un’assurdità. Dopotutto, questo è il significato della parola “assurdità”.

29. L’odioso

Fai attenzione se qualcuno nel tuo ambiente è chiamato una persona odiosa. Bene, se le persone semplicemente non lo conoscono odioso – non è stravagante e non ordinario, ma spiacevole, causando una tempesta di emozioni negative. E se non ci fosse?

30. Organico – biologico

Aggettivi, che sono facili da confondere, se non si impara una volta per tutte che il biologico è condizionato dall’essenza stessa di qualcuno o qualcosa (un sinonimo è naturale). E il biologico è legato a un organismo vivente. Ancora più strettamente – composto da carbonio. Esempio: “Un monumento ai medici che lottano con le lesioni organiche del cervello, si inserisce organicamente nel paesaggio della città”.

31. Pathos

Sotto questa parola viene spesso intesa come imitazione. Infatti, in greco, páthos significa “passione”. Pathos è un sollevamento spirituale, ispirazione. Nelle opere letterarie, questo termine denota il più alto punto emotivo raggiunto dai personaggi e ha trovato una risposta nei cuori dei lettori.

32. Insegnante-Insegnante

Tra queste parole spesso mettono un segno di uguale, sebbene questi concetti non siano affatto identici. Un insegnante è una persona impegnata in attività didattiche o educative (un sinonimo – un mentore). Un insegnante è un dipendente di un istituto di istruzione media o superiore che insegna un soggetto (insegnante di matematica, insegnante di letteratura). Quindi, un insegnante è un tipo di attività, una professione e un insegnante è una specializzazione.

33. Regalo – souvenir

L’uso di queste parole come sinonimi non è sempre appropriato. Un souvenir è una cosa memorabile legata alla visita di un posto. Cosa compriamo in memoria del paese, della città o della persona. Le espressioni di “souvenir memorabile” o “souvenir per memoria” hanno una ridondanza semantica. Se il regalo non è connesso con il viaggio, è meglio scrivere un “regalo”.

34. Sotto gli auspici di

Secondo l’antica mitologia greca, l’egida è il capo di Zeus, che possiede proprietà magiche. Essere sotto gli auspici deve essere protetto da qualche forza potente, affidarsi al sostegno di qualcuno o qualcosa. Utilizzare questa espressione nel significato “sotto il pretesto” non è corretta. Non si può dire: “Sotto l’egida della protezione dei diritti dei consumatori, Rospotrebnadzor ha condotto un’incursione nei punti vendita della città”.

35. Cambia – cambia

Parole che nel discorso letterario scritto non devono essere confuse. Cambiare significa dare il proprio e ottenere un altro, cioè scambiare qualcosa. Cambiare è fare diversamente. L’espressione “Ha cambiato completamente la sua vita” è stata sbagliata, così come “Ha cambiato il suo nome da nubile nel cognome di suo marito”.

36. In pratica, quasi

Questi avverbi sono spesso confusi. Puoi scrivere “Quasi tutto è ancora come prima” e “Quasi tutto rimane uguale”, ma il significato sarà diverso. L’avverbio “praticamente” può essere sostituito dall’espressione “in pratica” o “in effetti”. Allora il nostro esempio suonerà così: “In pratica, tutto rimane uguale” o “In realtà tutto è sempre lo stesso”. In altre parole, le cose sono ancora lì. L’avverbio “quasi” significa che manca qualcosa, può essere sostituito dall’espressione “senza piccolo”. La frase “Tutto non è cambiato come prima” ha una connotazione diversa: qualcosa è fatto, ma è insignificante.

37. Firma – firma

Parole correlate, ma non identificarle. La firma è un’iscrizione sotto qualcosa (sotto + scrivi). Ad esempio, scrivi un cognome sotto il testo del contratto. La pittura è una pittura decorativa su pareti, soffitti o oggetti. Dal punto di vista letterario, si prega di mettere il dipinto in atto non è corretto. Sostituire la firma del dipinto può solo in un discorso colloquiale.

38. La corrente di oggi

“Oggi”, cioè riferendosi al giorno corrente, non può essere confuso con la parola “presente”. Quest’ultimo concetto è più ampio. Copre tutto ciò che riguarda l’anno a venire (mese, estate, stagione).

39. Frase

Sotto le frasi di solito capisco alcune dichiarazioni, osservazioni o tesi. Ma è importante ricordare che, secondo il dizionario, non dovrebbero essere dichiarazioni, ma espressioni di natura moralizzante.

40. Sociopath – sociopath

Il primo soffre di un disturbo della personalità dissociale, e quindi non considera le norme e le regole sociali, sputa sulla morale e sfida costantemente gli altri. Il secondo è una persona che ha paura della società. Potrebbe avere paura di parlare con uno sconosciuto per strada o di trovarsi in un posto affollato. La sociopatia è una sorta di disturbo mentale, la fobia sociale è una sorta di fobia. È impossibile mettere un segno di uguale tra questi concetti.

41. Tipico – tipo

Consonante, ma diverso nel significato delle parole. Non confondere: il tipico – incarnando le caratteristiche caratteristiche di qualcuno o qualcosa. Tipico: è appropriato per qualsiasi modello.

42. Frustrazione – prostrazione

Questi concetti sono spesso confusi anche dagli stessi psicologi. La frustrazione è un senso di ansia che nasce dall’incapacità di raggiungere ciò che si desidera. In altre parole, insoddisfazione. La prostrazione è uno stato oppresso, apatico, una rottura, quando non vuoi e non puoi fare nulla.

43. Funzionalità – Funzionalità

Anche in pubblicazioni IT importanti, viene commesso uno sfortunato errore, che chiama funzionalità funzionale e viceversa. Non è la stessa cosa La funzionalità è una combinazione di possibili usi o azioni possibili eseguite da un oggetto: la funzionalità di uno smartphone o laptop. Un funzionale è una funzione numerica definita su uno spazio vettoriale.

44. Empatia

Questo termine psicologico è a volte confuso e identificato con simpatia. L’empatia è la capacità di entrare nello stato emotivo di un’altra persona, di sperimentare le sue esperienze. Lontano da sempre possiamo stare nel posto di un’altra persona, anche se gli piacciono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 4 = 2