Lavori: Andrey Gromozdin, pilota di Boeing

Cosa fai nel tuo lavoro?

Ho sognato di diventare un pilota dall’età di cinque anni. E un grande aereo civile. Ho sognato di volare l’IL-86, sollevando 300 persone verso il cielo. La seconda parte di questo sogno si è avverata: sui nostri Boeing 767 – 336 posti. Ma sul primo Airbus sovietico non ha avuto il tempo di volare: la sua età di volo è finita.

Ma prima ci fu un lungo studio: mi diplomai alla scuola di volo di Sasovo e poi alla scuola di aviazione superiore di Ul’janovsk.

Il cielo ispira!

Ora ho accesso a due tipi di aeromobili: Boeing 757 e Boeing 767 e consegniamo passeggeri in diverse parti del mondo.

Andrei Gromozdin, il pilota di Boeing
Andrei aveva sognato di diventare un pilota fin dall’infanzia

Ci sono piloti femminili?

Sì. Sebbene fosse difficile per le donne entrare in questa professione. C’era una sorta di approccio sciovinista, ma ora la situazione sta cambiando in meglio.

Nel nostro paese, la percentuale di piloti di sesso femminile è molto inferiore a quella del mondo, ma si trovano in quasi tutte le grandi aziende. So, ad esempio, che una comandante di sesso femminile vola ad Aeroflot, e c’è una donna pilota a UTair.

È difficile per un pilota ottenere un lavoro oggi?

Oggi è molto difficile. Nell’aviazione, come in altre aree, tutto si sviluppa secondo la sinusoide. Altri tre o quattro anni fa c’era una carenza di piloti: scuole di specializzazione per trovare facilmente un lavoro e potrebbero fare carriera vertiginosamente veloce, non l’azienda ha scelto i piloti, e piloti – Gruppo.

Oggi, la situazione inversa e il numero di posti vacanti sul mercato tendono a zero. I cadetti licenziati e abbreviati sono d’accordo quasi per qualsiasi lavoro di volo, in modo da non perdere le loro qualifiche. Dopo un pilota, sei mesi dopo l’interruzione, sono necessari ulteriori controlli, un anno dopo: addestramento, e dopo il cinque tutto deve essere riavviato.

Quali qualità dovrebbe avere un pilota?

La cosa più importante è il desiderio di miglioramento costante e il desiderio continuo di imparare.

La professione è molto dinamica. Tutto si sta sviluppando rapidamente: a partire dalla tecnologia, dalle regole di volo, dai metodi di lavoro e finendo con i documenti che regolano i voli. Vale la pena un po ‘di relax e stai già cadendo dal profilo dell’aviazione moderna.

Altre qualità, credo, chiaramente dal contenuto della professione: è competenza tecnica e la capacità di gestire lo stress, e il lavoro di squadra, e la conoscenza delle lingue straniere.

I piloti russi sono richiesti sul mercato mondiale?

Ora c’è una grande richiesta di piloti nel mondo, specialmente in Asia. C’è un’aviazione in aumento: gli aerei vengono acquistati così tanto che semplicemente non hanno il tempo di preparare i loro piloti. Sembrerebbe, perché quelli che non riescono a trovare un lavoro qui, non vanno lì?

Ma anche all’estero è abbastanza difficile. Ad esempio, in Cina criteri medici molto rigidi, in altri paesi ci può essere una specificità locale durante l’esecuzione di voli e la selezione, che non è facile da capire. Inoltre, non tutti sono pronti a partire per lavorare in un altro paese o lavorare a turni, trascorrendo una settimana a casa una settimana o anche meno.

Andrei Gromozdin, pilota di Boeing, sulla domanda per la professione
Il pilota deve continuamente migliorare e apprendere nuove cose.

Tuttavia, molti dei nostri piloti lavorano all’estero, dai copiloti agli istruttori.

I piloti hanno qualche paura professionale?

C’è un detto:

Non ci sono vecchi piloti coraggiosi.

Le paure sono insite in tutto. Ma il pilota è un professionista per affrontare lo stress e dirigere l’adrenalina in un canale costruttivo. Il passeggero può cadere in uno stato di torpore o di difficoltà e il pilota in qualsiasi situazione non standard deve prendere decisioni razionali per consegnare in sicurezza i passeggeri dal punto A al punto B.

Questo è il famigerato fattore umano. E più spesso ha un impatto positivo. Altrimenti, già da molto tempo i piloti venivano sostituiti da robot. A causa del fattore umano di fronte a progettisti, collaudatori, ingegneri, personale di terra, assistenti di volo e piloti milioni giornaliere di passeggeri modo sicuro e comodo raggiungere le loro destinazioni.

In che modo i piloti di incidenti aerei e altri eventi tragici influenzano lo stato psicologico dei piloti?

Puramente umanamente è difficile. Ma proviamo ad astrarre. Dopotutto, se prendi a cuore ogni incidente che vedi sulla strada, allora è meglio non guidare in auto.

Nell’aviazione, tutti, anche il più piccolo incidente, diventano oggetto di analisi dettagliate. Questo è un lavoro quotidiano minuzioso per migliorare la sicurezza del trasporto aereo. I risultati di questo lavoro sono ovvi. Se 40-50 anni fa l’incidente aereo era un evento ordinario, oggi ogni evento del genere è un evento straordinario, dedicato alle prime pagine dei giornali e alle principali notizie.

Pertanto, nonostante tutto, l’aviazione è il modo più sicuro e veloce per muoversi nello spazio. Per ridurre a zero i rischi nel funzionamento dei mezzi tecnici, purtroppo, è impossibile. Perché non è possibile fornire tutto in anticipo e l’ambiente a volte è imprevedibile.

Gli astronauti prima del volo a guardare “White Sun of the Desert”. E quali rituali e superstizioni hanno i piloti?

Molti piloti sono superstiziosi. Ognuno ha le sue superstizioni. Ad esempio, non si può cucire nulla prima del volo, non si può dire in anticipo, “Noi volare lì e poi in tanto” ( “Stiamo progettando di …”), è necessario per ottenere l’aereo solo in senso orario e così via. A proposito di questo, oltre al folclore professionale, si può difendere una tesi.

Ma la superstizione più comune: ai piloti non piace dire la parola “ultimo”. Usa qualsiasi eufemismo – “estremo”, “finale”, ma non “ultimo”. Per me è anche bloccato – cerco di non usare questa parola per quanto riguarda il lavoro. Ma nella vita ordinaria io lotto con me stesso e dico tranquillamente “Chi è l’ultimo in fila?” O “Ultimo giorno della settimana”.

Come è il tuo posto di lavoro?

Approssimativamente.

Andrei Gromozdin, pilota di Boeing, sul luogo di lavoro
Cabina Boeing 767

Vista dalla cabina di guida

Con la partenza dell’ingegnere di volo nella cabina di pilotaggio dell’equipaggio di condotta, rimasero due piloti. Più precisamente, scherzando, cinque: due live e tre autopiloti. I piloti decollano manualmente e ad un’altitudine prestabilita includono un autopilota che fa tutto il lavoro per stabilizzare ulteriormente il volo ed eseguire un programma di rotta sul treno. Quindi, durante la fase di avvicinamento o discesa (come in quale compagnia è accettata), il pilota scollega il pilota automatico e riprende il controllo.

Nella fase del volo di rotta, le responsabilità tra i piloti sono distribuite come segue. Prima di volare, viene determinato chi sarà il pilota pilota e chi è il pilota di monitoraggio.

  • Il pilotaggio (pilot flying) controlla tutti i parametri di volo, controlla gli strumenti, è pronto in qualsiasi momento per intervenire nel controllo e passare al pilotaggio manuale. Allo stesso tempo tutto il lavoro duro è svolto dall’automazione. Abbiamo, per esempio, sotto la cabina c’è un intero rack del server con un mucchio di computer specializzati. Eseguono il lavoro del navigatore e dell’ingegnere di volo, lasciando solo ai piloti il ​​controllo.
  • Pilota pilota (monitoraggio radio) conduce comunicazioni radio, riempie documenti e controlla anche i dispositivi.

cruscotto

Entrambi i piloti hanno quasi la stessa qualifica, perché, tranne che per i loro due, nessuno li aiuterà in cabina. L’unica differenza è che il comandante ha più responsabilità e l’ultima parola nel prendere decisioni. L’interazione tra i piloti è la chiave di volta della sicurezza del volo, l’intera scienza ne parla – Crew Resource Management (CRM).

Qualificazione dei piloti
Entrambi i piloti dell’aereo hanno praticamente la stessa qualifica

In precedenza, la cosiddetta tecnologia fixed crew operava, quando la sua composizione non cambiava. Le persone volavano costantemente insieme e, naturalmente, dovevano conoscersi e capirsi bene. C’era anche un tale concetto – “equipaggio di volo”.

Ora le tecnologie di lavoro assolutamente diverse (SOP) e gli aerei sono progettati in modo che non importi chi si trova in futuro: uomo o donna, russo, cinese o arabo. La cosa principale è seguire rigorosamente la tecnologia. Tutto, fino a frasi standard, è rigorosamente formalizzato.

Nella maggior parte delle aziende c’è una rotazione costante dell’equipaggio. Con chi volerai domani, dipende a volte dal computer, che pianifica il programma di lavoro degli equipaggi.

Quali gadget sono usati dai piloti?

Per un pilota, un gadget standard è sufficiente: è l’iPad. In genere, iPad Air 2 e versioni successive. Ciò è dovuto al fatto che i fornitori di software per l’aviazione sono orientati verso OS X.

Il tablet è rilasciato dalla società. Per lui nella cabina c’è una speciale chiusura certificata, che ti permette di usarla durante l’intero volo. Sul tablet solo ciò di cui hai bisogno per il lavoro: mappe, software per i calcoli, una biblioteca. Niente di superfluo. Non possiamo prendere, consegnare o rimuovere qualcosa. Questa è la responsabilità dell’amministratore, nelle cui mani sono presenti tutte le impostazioni.

Andrei Gromozdin, un pilota di Boeing, sui gadget

Ecco perché porto con me un altro iPad per scopi personali. Qualcuno preferisce un laptop e qualcuno gestisce solo il telefono. Questo è qualcosa da leggere o vedere, e anche per tenersi in contatto con la casa. Non c’è altro modo di comunicare con i parenti in viaggio d’affari, eccetto su Internet.

C’è un posto per la carta nel tuo lavoro?

Sì, e un sacco di: calcolo di navigazione di volo (PCP), tempo Briefing (Tempo attuale e previsioni), carte meteorologiche, una sintesi di messaggi urgenti per gli equipaggi (NOTAM), documenti sul payload (patrimoniale consolidato-carico, l’elenco dei passeggeri sulle informazioni cargo) , documenti aggiuntivi. Il pacchetto lascia un chilogrammo per un anno e mezzo.

Le aziende si stanno gradualmente spostando verso la tecnologia senza carta, ma questo processo è molto lento, perché nell’aviazione tutto deve essere controllato e duplicato molte volte.

Ad esempio, il calcolo grafico (chiamato PCP) ha effettuato su un computer utilizzando un software speciale, ma durante il volo si celebra la sua versione cartacea, sia che il computer sia calcolato, le prestazioni effettive. Se ci sono discrepanze, è necessario un controllo aggiuntivo. Come ho detto sopra, il pilota monitorato per lo più è impegnato in lavori di carta.

Pilota di monitoraggio
Il lavoro di carta è svolto principalmente dal pilota di monitoraggio

Come organizzi il tuo tempo?

Tutto dipende dalla stagione e dalla compagnia aerea. Il lavoro invernale è meno, in estate di più. Inoltre, ogni compagnia vola per determinate distanze e questo crea un programma.

Grandi aerei come Boeing 777 e Boeing 767, di regola, effettuano voli lunghi. Ad esempio, 12 ore volano da Mosca alla Repubblica Dominicana, dove si affitta l’aereo a un altro equipaggio. Tornano a Mosca e tu hai uno o tre giorni di riposo. E così in un cerchio. Questo è chiamato “corsa a staffetta”.

Puoi volare fino all ‘”anello”. È quando voli fuori da una città, poi vai a visitarne altre, poi torni indietro. Ad esempio, Ekaterinburg – Phuket – Novosibirsk – Kamran – Vladivostok – Bangkok – Mosca.

Se parliamo di aeroplani di piccola capacità, allora i piloti quasi ogni giorno vanno al lavoro, eseguendo brevi voli di inversione. Ci sono pochissimi viaggi, tutti i voli iniziano e finiscono a casa.

Cosa fa l’equipaggio durante le gare?

Chi rispetto a: qualcuno dorme, qualcuno guarda la TV, qualcuno in palestra o in piscina cammina. La presenza di un simulatore, a proposito, è molto importante per noi quando si sceglie un hotel.

Se siamo nella “staffetta”, molto dipende dalla politica dell’azienda e dalla situazione nel paese ospitante. Se è sicuro, puoi andare in spiaggia o fare shopping. Se c’è tempo, visita le attrazioni locali. Ma non puoi bere alcolici e riposare in modo estremo.

Hai mai affrontato teppismo a bordo?

“Hooligan” a bordo è sempre per una ragione – l’alcol. Mentre voliamo nelle direzioni turistiche, di fronte a questo spesso abbastanza. Ci sono stati anche casi in cui il chiassoso doveva essere legato. Allo stesso tempo, l’equipaggio di cabina o altri passeggeri dovevano calmare i bevitori.

Ai piloti in qualsiasi situazione di emergenza è vietato lasciare la cabina.

Ora, a causa delle responsabilità più severe e della pubblicità, gli incidenti con teppismo a bordo sono minori. Ma in ogni caso non consiglierei a nessuno di bere a bordo. Il volo stesso è un carico sul corpo (l’aria è secca, la pressione è bassa), non disidratare e caricarti ancora di più. All’arrivo, puoi raggiungere un ambiente confortevole e senza conseguenze amministrative e criminali.

Come gestisci il jetlag?

Siamo un po ‘più facili rispetto, ad esempio, ai passeggeri. Arrivi così stanco che vai a letto e vai a letto.

E ‘più difficile di sforzarmi per rilassarsi prima del volo, in particolare se in precedenza ha trascorso qualche tempo nel “giorno – per rimanere svegli durante la notte -. A dormire” Basta sdraiarsi e addormentarsi durante il giorno è molto difficile. Come è noto, la fatica si accumula, e il resto, purtroppo, no. Il sonno per il futuro è impossibile, ma è possibile ottenere stanco, con un ampio margine.

Andrei Gromozdin, il pilota di Boeing, per il resto
Andrei Gromodzin: “È impossibile dormire per il futuro”

È più difficile non cambiando la modalità di sospensione, ma con un programma di nutrizione lacerato. Il sonno viene ricostruito abbastanza rapidamente, ma lo stomaco è molto più lento. Pertanto, di notte, accade, incredibilmente affamato, e viceversa, le prelibatezze del pomeriggio non causano alcun entusiasmo.

Cosa c’è nella tua borsa?

Ho tre borse.

Uno è piccolo. Lo uso sui voli di inversione. Ci sono diverse penne, pennarelli, righello, tutti i documenti necessari, un iPad, un panciotto di segnalazione, un thermos e asciugatura. Mi aiutano a combattere con il sonno. Qualcuno porta semi per questo, qualcuno è un expander portatile, sto asciugando.

Se questa è una “staffetta” per un giorno o due, allora con me vola una piccola valigia con due scomparti: per le carte e per i vestiti più necessari (cosa uscire per cena e in mare). Se un lungo viaggio o attraverso diverse zone climatiche (ci sono voli da meno 35 a più 35), le mie gite in borsa “inversione” sulla parte superiore della valigia, che ha già tutto – dalla biancheria intima termica di pantofole di luce.

Che posto gioca lo sport nella tua vita?

I piloti passano annualmente VLEK – commissione di esperti di volo medico. Questo è un esame fisico abbastanza rigoroso: cinque specialisti principali più un cardiogramma, studi e analisi. Dopo 40 anni, vengono condotti ulteriori studi, e dopo che 55 piloti sono generalmente esaminati in ospedale.

Andrei Gromozdin, pilota di Boeing, sullo sport
Il pilota dovrebbe sempre essere nella forma

Per superare VLEK, devi mantenerti in forma. Inoltre, dopo i voli, quando ti siedi a volte in fila 12 ore, il corpo richiede semplicemente attività fisica. Sfortunatamente, non è possibile praticare sport di squadra. Io, ad esempio, amo l’hockey, ma chi ha bisogno di un giocatore che è costantemente in viaggio d’affari? Pertanto, sono impegnato nel fitness: fare jogging, nuotare, camminare, se non ci sono altre possibilità – caricare con un trainer elettronico nella stanza.

Esegui una visita medica prima del viaggio?

In Russia, questo anacronismo rimane ancora, anche se in tutto il mondo questo è andato via da tempo.

In qualche modo pensiamo che senza questo tutti inizieranno a volare ubriachi o sotto la droga. Ma i piloti dell’aviazione civile sono perfettamente consapevoli del grado delle loro responsabilità e nessuno vuole separarsi dalla professione.

È vero che …

1. Caffè e tè a bordo è meglio non bere, perché l’acqua nell’aereo è di scarsa qualità e imbottita di sostanze chimiche?

Andrey Gromozdin, pilota di Boeing, sul cibo a bordo

L’acqua non è proprio la stessa cosa sulla terra. In primo luogo, a causa della bassa pressione, bolle ad una temperatura più bassa. Ma prima di bollire l’acqua non viene mai portato per motivi di sicurezza. È improbabile che ti piaccia se un vicino ti versa accidentalmente acqua bollente.

In secondo luogo, la percezione del gusto ad alta quota negli esseri umani è completamente diversa. In un altro modo, si percepiscono sali e acidi. Ecco perché a molte persone piace bere succo di pomodoro sull’aereo. La sua percezione è quasi invariata rispetto alla terra, ma il gusto del tè o del caffè può sembrare sbagliato.

Per quanto riguarda la purezza dell’acqua a bordo, è strettamente monitorata. I contenitori per questo sono regolarmente lavati e il rifornimento di carburante è fatto da una macchina speciale sotto la stretta supervisione degli ingegneri.

2. I piloti e i passeggeri hanno cibo diverso?

Di regola, sì. Inoltre, il comandante e il co-pilota hanno anche cibo diverso. Di nuovo, tutto è per motivi di sicurezza. Non si può permettere che, dopo aver mangiato la stessa cosa, entrambi i piloti ottengano indigestione o qualche tipo di allergia alimentare.

Ma non preoccuparti, la qualità e il contenuto del cibo dei piloti è all’incirca uguale a quello dei passeggeri. Lo stesso pesce, pollo, carne.

3. Se, durante un volo silenzioso, la spia “Cinture di sicurezza sicure” è accesa per un lungo periodo, il pilota ha semplicemente dimenticato di spegnerlo?

Succede e così Ma raramente. I conduttori sono sempre in cabina, lo noteranno e chiederanno qual è il problema.

Un’altra questione è che i piloti sanno in anticipo quando inizia la turbolenza (le zone di possibile turbolenza sono indicate nelle nostre mappe) e possono, in anticipo, per 10-20 minuti, accendere la lampadina per proteggere i passeggeri.

4. L’assistente di volo può entrare nell’abitacolo solo con una password speciale?

Andrei Gromozdin, pilota di Boeing, sull'entrare nella cabina di pilotaggio del pilota

Sì. Inoltre, solo l’assistente di volo senior può entrare. Prima di ogni volo, viene concordato l’ordine di entrata in cabina. Senza un segnale condizionale, non ti lasceremo entrare.

Inoltre, la cabina è dotata di videosorveglianza, quindi comprendiamo immediatamente chi e cosa è arrivato.

5. Il pilota è sempre vestito in uniforme?

E sì e no. Sì, se stai facendo un volo con i passeggeri. E qui tutto è abbastanza severo. Ad esempio, in una delle aziende in cui ho lavorato, sono stato severamente multato per mancanza di un cap. Ho fatto una deviazione intorno all’aereo senza un cap – meno il 25% del salario.

No, se il volo è un traghetto. Quindi puoi volare in normali vestiti civili.

Inoltre, alcuni requisiti per l’aspetto dell’aeroporto. Ad esempio, a Bangkok, un pilota senza uniforme non potrà entrare nell’aereo, che i documenti non mostrano.

Era anche un incidente divertente. Uno dei piloti non è stato portato in tempo dal bucato. Cosa dovrei fare? Non aspettare fino a quando non viene lavato e accarezzato, strappando il volo. Dovevo salire a bordo di un primo pilota, prendere il modulo, consegnarlo al pilota. Si è travestito, e poi anche lui è mancato.

6. I piloti non sentono l’applauso dei passeggeri?

Andrei Gromozdin, pilota di Boeing, sugli applausi dei passeggeri

Abbiamo una porta blindata per la cabina, quasi nulla si sente attraverso di essa. Di solito, i conduttori dicono che i passeggeri hanno applaudito, ringraziando. (A proposito, se vi piace il volo, scrivere alcune parole su di esso in un pezzo di revoca o sito web della società. Coloro che hanno cercato di essere gentile con te.)

Io stesso ho sentito applausi due volte. Una volta c’era una fuga di bambini – i passeggeri più riconoscenti. E il secondo, quando siamo volati in Bulgaria e due ore nella zona di attesa a causa del maltempo. Si sedettero dal secondo approccio, alla prima nebbia non ancora completamente disintegrata. Naturalmente, i passeggeri applaudirono e gridarono in modo che fosse udibile anche attraverso la nostra porta blindata.

7. I piloti trasformano costantemente i romanzi con le hostess?

Non lo so Non mi piace quando scrivo nella mia vita personale, e non salgo agli altri.

Mia moglie è una hostess. Ci siamo incontrati sulla “staffetta” e la relazione è iniziata sul campo. Ma non immediatamente. Il programma ha impedito: è volata via, poi io Poi ci siamo incontrati.

Lifkhakerstvo di Andrei Gromozdin

  1. Vieni all’aeroporto con una comoda riserva di tempo. La maggior parte delle società, comprese le compagnie charter, consente la registrazione elettronica da casa. Dovrai solo consegnare i bagagli e fare un’ispezione. Per un uomo è venuto in tre ore e più stanco prima di sedersi sul piano, è vantaggioso negozi e ristoranti liberi unico dovere.
  2. Nell’ispezione pre-volo, stendere tutte le tasche nella borsa in anticipo. Ciò velocizzerà significativamente il processo e non ti permetterà di correre più tardi alla ricerca del telefono o della carta d’imbarco lasciata sullo schermo.
  3. A bordo, bevi più liquido possibile. L’aria nell’aeroplano è secca e non intenzionalmente inumidita, in modo che l’umidità non danneggi il design dell’aeromobile. Pertanto, più bevi, meglio è. Pertanto, “non lasciarti appassire”!
  4. Durante un lungo volo, fai microhim. Dare alle articolazioni, specialmente alle articolazioni delle gambe, un piccolo movimento, in modo che il sangue non ristagni.

Lifkhakerstvo di Andrei Gromozdin, il pilota di Boeing

Ma il consiglio più importante per i lettori è sempre godersi il volo.

C’è un po ‘di magia in questo, quando il tuo corpo viene trasferito da un’estremità del mondo a un altro in alcune 8-10 ore con straordinarie velocità.

Un altro 100-150 anni fa questo era impossibile da immaginare. Pertanto, non trattare i voli come qualcosa di ordinario (anche se voli molto) – divertiti!

Contents

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 4 = 2